Indice

  1. Introduzione alla Dichiarazione di Successione
  2. Obblighi dei Successori
  3. Voltura Catastale degli Immobili
  4. Vendita di Beni Passati in Successione
    • Documenti Aggiuntivi Necessari
    • Accettazione o Rifiuto dell’Eredità
  5. Modalità di Presentazione della Dichiarazione di Successione
  6. Trascrizione dell’Accettazione dell’Eredità
  7. Imposte e Tasse sulla Successione
  8. Gestione delle Dispute tra Eredi
  9. Rischi dell’Acquisto di una Casa Ereditata
  10. Conclusione e Consigli Finali

1. Introduzione alla Dichiarazione di Successione

La dichiarazione di successione è un atto del diritto civile italiano che serve a dichiarare al fisco l’entità del patrimonio detenuto da un defunto.

2. Obblighi dei Successori

Gli eredi o i legatari di un deceduto sono obbligati a presentare la dichiarazione di successione all’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate competente entro 12 mesi dalla morte del defunto, nel caso in cui quest’ultimo abbia lasciato in eredità almeno un immobile o un patrimonio di denaro del valore di almeno 100.000 euro.

3. Voltura Catastale degli Immobili

In caso di immobili, dopo la presentazione della dichiarazione di successione, è necessario procedere alla voltura catastale degli immobili a favore di eredi o legatari nelle corrette proporzioni.

4. Vendita di Beni Passati in Successione

Documenti Aggiuntivi Necessari

Nella compravendita di un immobile ottenuto per successione, oltre ai documenti necessari per una normale vendita immobiliare, sono richiesti:

  • La dichiarazione di successione
  • La trascrizione dell’accettazione dell’eredità

Accettazione o Rifiuto dell’Eredità

L’erede può accettare o rifiutare l’eredità. L’accettazione avviene con la sottoscrizione dei due atti sopra menzionati.

5. Modalità di Presentazione della Dichiarazione di Successione

La dichiarazione di successione può essere presentata direttamente dal contribuente (eredi o legatari) tramite i servizi telematici del sito dell’Agenzia delle Entrate, dove sono disponibili anche i moduli precompilati, oppure tramite un intermediario abilitato o direttamente all’ufficio competente dell’Agenzia delle Entrate.

6. Trascrizione dell’Accettazione dell’Eredità

La trascrizione dell’accettazione dell’eredità viene formalizzata davanti a un notaio ed è necessaria per la vendita della casa ereditata.

7. Imposte e Tasse sulla Successione

Lo Stato, oltre a incassare la tassa di successione, prevede altre imposte dovute per la vendita del bene ereditato. Se si vende un immobile acquisito a titolo oneroso nei cinque anni precedenti, il venditore deve pagare una tassa sulla plusvalenza.

8. Gestione delle Dispute tra Eredi

In caso di disaccordo tra gli eredi sulla vendita di un immobile, si può:

  • Vendere la propria quota dell’immobile, tenendo presente il diritto di prelazione dei coeredi.
  • Avviare un procedimento di divisione giudiziale davanti a un giudice civile, dopo un tentativo di mediazione obbligatorio.
  • Procedere con la divisione in natura dell’immobile, mediante frazionamento in unità destinate a ciascun comproprietario, che potrà vendere la propria quota.

9. Rischi dell’Acquisto di una Casa Ereditata

L’acquisto di un immobile ereditato comporta dei rischi per l’acquirente. È consigliabile rivolgersi a professionisti del settore per verificare che il cedente sia l’effettivo proprietario dell’immobile e legittimato a vendere, che siano state presentate le denunce di successione, pagate le imposte ipotecarie e catastali, e presentata la voltura catastale.

10. Conclusione e Consigli Finali

Questo contenuto ha scopo informativo e non ha valore prescrittivo. Per un’analisi strutturata su ciascun caso personale si raccomanda la consulenza di professionisti abilitati.